Categories: Blog

Analisi SEO settore farmaceutico: 10 cose che non sapevate

Dal 1° luglio del 2015 le aziende farmaceutiche possono vendere farmaci online senza obbligo di ricetta, grazie a una nuova normativa che lo autorizza.

Una piccola rivoluzione che potrebbe portare un enorme beneficio in termini di business. Peccato che i player del settore ancora non siamo pronti a cogliere questa occasione: secondo un’analisi SEO condotta da Pro Web Consulting, infatti, risulta che i siti delle principali case farmaceutiche sono a dir poco scarsi dal punto di vista dell’ottimizzazione per i motori di ricerca.

Ecco 10 punti interessanti emersi da questa ricerca:

  • Il campione analizzato è di una ventina di siti: né quelli di prodotto né i portali istituzionali presentano una buona SEO On-Site, spesso non vengono rispettate nemmeno le best practice di base;
  • Provate a pensare alla parola “raffreddore”: quali sono i vostri brand top-of-mind? Sicuramente quelli più famosi, onnipresenti con i loro adv sui giornali e con gli spot in TV. Ora provate a digitare “raffreddore” sui Google: i risultati sono gli stessi? Assolutamente no, le SERP vi indicheranno soprattutto portali editoriali che parlano di sintomi, cure e benessere in generale;
  • Quali ambiti sono stati analizzati per la ricerca? Si tratta di due macro-categorie, antinfiammatori e antipiretici, perché più competitive a livello di vendite. Le keyword analizzate fanno capo ad aree semantiche ampie, che comprendono le malattie, i loro sintomi e i rimedi principali;
  • Provate a fare un rapido check delle homepage di siti come Aspirina.it, Moment.it, Angelini.it: non presentano nemmeno i tag più basilari. Niente title, niente description, niente H1… eppure i brand sono così autorevoli che Google li posiziona in prima pagina per alcune (solo alcune) delle parole chiave più attinenti all’uso del farmaco;
  • Qual è il sito meglio (si fa per dire!) ottimizzato tra quelli presi in considerazione per questa analisi SEO? Fluimucil.it, che mostra almeno i tag principali ma esclusivamente in homepage. Le pagine dei diversi formati del prodotto non sono affatto ottimizzate e anche la strutturazione delle URL potrebbe essere migliorata;
  • Perché alcuni portali editoriali si posizionano decisamente meglio? Innanzitutto, va da sé, perché hanno una migliore ottimizzazione On-site. Ma anche perché sono siti di contenuto, che rispondono alle domande e ai dubbi dell’utente, al contrario dei siti ufficiali dei farmaci che, spesso, sono sterili vetrine contenenti solo schede tecniche e posologia. Aggiungere contenuti informativi, quindi, aiuterebbe moltissimo il posizionamento di questi portali;
  • Nel migliore dei mondi possibili, quindi, il sito di una casa farmaceutica o, meglio, il sito di un farmaco specifico, avrebbe un On-site fatto come Dio comanda (Dio è Google, nel caso specifico), una struttura usabile e ricca di contenuto utile per l’utente e, perché no, anche dettagli di valore come i rich snippet;
  • Forse starete pensando: in fondo cosa può importare a questi giganti del farmaco se sono deboli sulle SERP? Cosa conta l’indice di visibilità quando hai alle spalle investimenti adv con tanti zeri e brand stra-noti a livello collettivo? Conta, invece, perché in virtù della nuova normativa di cui accennavo nell’incipit, la competizione del settore si sta spostando sempre più dalla farmacia al web;
  • Forse starete anche pensando: cosa importa all’utente? Se ho la febbre prendo la Tachipirina, senza doverlo chiedere a Google. Ok, verissimo. Però vogliamo parlare delle malattie e dei sintomi meno mainstream? O degli usi alternativi di farmaci mainstream? Lo sapevate che il paracetamolo, principio attivo della Tachipirina, è anche un potente antidolorifico privo di controindicazioni particolari, e per questo tra i più usati negli ospedali? È così, però se digitate “antidolorifico” su Google, di certo non avrete la Tachipirina tra i primi risultati… una fetta di mercato persa, non vi pare?
  • Concludendo, dato che i siti delle aziende del pharma sono tutti abbastanza allineati nel loro essere carenti dal punto di vista dell’ottimizzazione per i motori di ricerca, certamente i first mover, ossia i primi che decideranno di affidarsi alla SEO, potranno trarne grandi benefici in termini di visibilità rispetto ai loro competitor.

Cosa ne pensate? Aspetto i vostri commenti SEO!

Pasquale Gangemi @gangemipasquale

Nato a Reggio Calabria, 30 anni, Head of SEO presso Pro Web Consulting, Agenzia SEO con sede a Chiasso (Svizzera). Mi occupo esclusivamente di SEO da 6 anni e di web marketing da più di 10 anni.

View Comments

  • Spunti interessanti e veritieri. Essendomi però "scontrato" con le realtà farmaceutiche ho due note da aggiungere: la prima è che la cultura del digitale in genere non è ancora arrivata in queste grandi aziende. La secondo è che ci sono delle leggi imposte dal ministero della salute molto rigide, che queste aziende devono adottare a differenza dei siti editoriali. Questo vuol dire che ogni modifica alle sito deve prima passare dal ministero della salute, questo comporta mesi e mesi di attesa, oltre al fatto che non è possibile "ottimizzare" un sito web di un brand come lo faremmo su qualsiasi altro.
    Per farvi un esempio banale, per questi brand è vietato fare attività sui Social media, perché sempre secondo il ministero, alcune informazioni potrebbero essere travisate dagli utenti e non è possibile tener traccia di dove andranno al finire... Insomma... In bocca al lupo a loro :)

    • Ciao Emanuele, grazie mille per il valore che hai aggiunto all'articolo :)
      Da un lato è innegabile quanto da te scritto, dall'altro invece, non avere nemmeno i title contribuisce in maniera significativa negativamente.

      • Assolutamente si, infatti dove son passato io qualcosa ho sistemato :) dove c'erano troppe barriere ho dovuto abbandonare, però confermo che il pharma sul digital è un mondo che sta parecchio indietro, e non solo per colpa delle aziende, ma sopratutto per colpa delle leggi (e non solo in Italia...). Tutto questo va a vantaggio di e-commerce indipendenti e siti editoriali. Strategicamente... o li batti, o ti allei ;)

Share
Published by
Pasquale Gangemi @gangemipasquale
Tags: Ricerche

Recent Posts

Progressive Web Apps: come cambiano il mobile e le applicazioni

[et_pb_section bb_built="1"][et_pb_row][et_pb_column type="4_4"][et_pb_text _builder_version="3.0.95" background_layout="light"] Si è fatto tanto parlare – e ancora se ne parla, essendo un processo lento…

2 anni ago

Come (non) funziona Google: ecco un bug!

Ciao a tutti e bentornati sul mio blog, anche oggi, come spesso accade, scriverò un articolo molto breve. Cercherò di…

4 anni ago

Come aumentare le vendite di un ecommerce

Il mondo del web è senza dubbio uno spazio creato per soddisfare i bisogni più disparati, primo fra tutti la…

4 anni ago

SEO per e-commerce: 5 errori da evitare

Fare SEO è dannatamente stimolante per noi  SEO Specialist che a questa attività stiamo dedicando la nostra vita lavorativa. Ma è…

4 anni ago

Cos’è (chi è) un copywriter SEO?

Con l'avvento dei vari aggiornamenti di Panda, e di conseguenza con il peso sempre maggiore che Google attribuisce ai contenuti, una "nuova"…

5 anni ago

Cos’è e come non farsi penalizzare da Google Penguin

Bentornati sul mio blog SEO, anche oggi pubblicherò uno dei miei soliti articoli che tanto piacciono a Google Panda 4.0…

5 anni ago