Google Map Maker: informazioni geografiche generate dagli utenti

20 Set

Google Map Maker: informazioni geografiche generate dagli utenti

Credo che nessuno di noi abbia nostalgia o rimpianga l’ormai pensionato web 1.0, infatti è grazie alla sua dipartita che il web è profondamente cambiato, diventando negli ultimi anni sempre più user oriented, volto a diffondere contenuti costruttivi, realizzati dagli utenti che connessi tra loro inviano informazioni istantaneamente.

È risaputo che il crowdsourcing sia una risorsa fondamentale oggi, Wikipedia ne è un esempio efficace, tuttavia capita di potersi imbattere in contenuti superficiali o errati, questo infatti è un lato oscuro del copywriting scellerato, ma si può facilmente ovviare a questo problema controllando attentamente la fonte dalla quale si attingono le informazioni.

Google Map Maker è un ottimo esempio di collaborazione in rete, infatti permette di migliorare il sistema attraverso i contenuti che vengono introdotti dagli utenti. Si basa sulla filosofia “uno per tutti, tutti per uno”, in cui ognuno può dare il proprio apporto, arricchendo la mappa di informazioni e dando la possibilità agli utenti di raccontare i luoghi dal territorio stesso.

Ecco le possibilità che ci vengono consentite usando Google Maps Maker:

  1. Aggiungi luogo. Aggiungi ulteriori dettagli per le aree che ti interessano. Inserisci sulla mappa il tuo bar preferito o aggiungi il parco della zona.
  2. Modifica luogo. Alcune parti del quartiere potrebbero già essere mappate su Google Maps. Migliora ulteriormente la mappatura usando le tue conoscenze del luogo in cui vivi.
  3. Aggiungi strada. Aggiungi ciò che manca: strade, sentieri, corsi d’acqua e altro ancora. Traccia le ciclabili della città e segnala quali strade sono adatte ai ciclisti.
  4. Esamina le modifiche degli altri utenti. La mappa è in continua evoluzione grazie al contributo di migliaia di utenti in tutto il mondo. Rivedi le modifiche apportate dagli utenti nelle aree che ti interessano e fornisci il tuo commento. Contribuisci a mantenere aggiornato il tuo quartiere su Google Maps.

 

Un modo del tutto personale e innovativo per connotare quei luoghi che sono vicini a noi e dei quali possiamo risaltare le peculiarità antropologiche e naturalistiche, che tante volte sfuggono alla società di Mountain View! Dare forma e significato a zone anonime o inaccessibili può essere socialmente utile: infatti questo servizio fu inizialmente utilizzato in quei paesi in cui non sarebbe stato possibile creare una mappa senza la collaborazione degli utenti.

Tuttavia dobbiamo placare gli entusiasmi poiché ancora non è possibile utilizzare il servizio in Italia e molti altri paesi sono in corso di mappatura, ecco il link con informazioni più dettagliate: Supporto di Google.

Che dire, Google Maps Maker sembra poter essere un modello di crowdsourcing globale, non resta altro che aspettare che ci venga data la possibilità di usarlo! Cosa ne pensi? Lascia un commento!

Fonti:

Che cos’è: Pagina Supporto Google

Facebook page: GoogleMapMaker Fanpage

About Author

avatar
Nato a Reggio Calabria, 30 anni, Head of SEO presso Pro Web Consulting, Agenzia SEO con sede a Chiasso (Svizzera). Mi occupo esclusivamente di SEO da 6 anni e di web marketing da più di 10 anni.

author posts

Loading Facebook Comments ...

Leave a Comment